Il Ripasso Monte Solane 2020 è buono
È tempo di Valpolicella Ripasso. Appena terminata la vinificazione dell’Amarone, ci si concentra sulla macerazione delle bucce dell’Amarone appena svinate dalla vasca e ancora calde, per ottenere il Valpolicella Ripasso. Una sorta di “infusione” delle bucce appassite con il vino Valpolicella, un contatto che porta all’estrazione degli zuccheri, del colore e dei polifenoli, preziosi per ottenere quel vino che tanti ancora definiscono un piccolo Amarone. Attraverso una nuova fermentazione, per un periodo che quest’anno è stato di una settimana, riusciamo ad ottenere il nostro Monte Solane.

A noi piace raccontarvi in degustazione il bellissimo viaggio che fa questo vino. Le uve nascono nel nostro vigneto più spettacolare, affacciato a sud ovest, con lo sguardo che mira verso il lago di Garda e le radici che affondano nel terreno di pietra, un tipo di terreno lastolare compatto, scheletrico e calcareo, ideale per la vigna, che predilige terreni poveri, non fertili, che consentono il drenaggio dell’acqua e non il deposito.

In cantina la vinificazione è delicata, con una pressatura soffice, e poi il vino trova riposo nelle piccole botti di rovere per 20 mesi. Quest’anno siamo particolarmente soddisfatti del Ripasso, dell’annata 2020. Per noi questo Ripasso che sta nascendo è buono, intenso, elegante e consistente. Un vino che sapremo troverà un equilibrio promettente nel legno e troverete in degustazione fra quattro anni.

La tradizione vuole che a Pasqua a casa nostra si prepari l’agnelloQuesta volta però abbiamo variato sul tema e abbiamo cucinato delle costolette d'agnello al forno, con una leggera panatura. Come ingredienti essenziali ci sono l’olio extra vergine di oliva del vigneto Valle Alta e le erbe aromatiche del nostro orto, come il timo, la maggiorana, il rosmarino e il finocchietto selvatico. Immancabili le patate al forno.

La morbidezza del Valpolicella Ripasso e la sua elegante intensità trovano l’equilibrio ideale con la carne di agnello che, solitamente, si distingue per essere tenera, delicata, leggera (poco grassa) e nutriente. La cottura al forno, le erbe aromatiche e la panatura inoltre rafforzano e racchiudono la dolcezza, perfette per un vino che ha dei richiami all’appassimento. 



Scritto da Giambattista Ugolini

Leave a comment